07 May 2019

Conferenza stampa di presentazione dell’ottava edizione

Negli spazi della storica Fonderia Napoleonica Eugenia di Milano, questa mattina, a una settimana dall’inaugurazione, è stata presentata alla stampa l’ottava edizione di Made in Steel, gli obiettivi della manifestazione e le anticipazioni sull’andamento del settore siderurgico.

«L’acciaio sta attraversando un delicato momento di cambiamento, con alcuni settori utilizzatori chiave, come costruzioni e automotive, che sono in difficoltà, e con la chiusura globale dei mercati. Uno dei compiti di Made in Steel, in tale congiuntura, è anche questo: parlare alla filiera dell’acciaio perché il mercato diventi luogo di relazione, incontro, scambio di informazioni. Ciò a patto di avere imprenditori siderurgici che non guardino alla piazza commerciale come a un campo di battaglia, ma che lavorino in collaborazione e condivisione, in nome della costruzione degli acciai del futuro, innovativi e sostenibili» afferma Emanuele Morandi, presidente e amministratore delegato di Made in Steel.

Un invito a restare umani, nella rivoluzione tecnologica della siderurgia mondiale che passa per una sempre maggiore attenzione alla riduzione dell’impatto ambientale e per una spinta all’innovazione di prodotti, processi e servizi. Questi i concetti trainanti che faranno da filo conduttore del ricco programma conferenze: oltre 40 i relatori, dall’Italia e dal mondo, che interverranno ai principali convegni di Made in Steel, che si terranno nella siderweb Conference Room, al centro dei padiglioni 22 e 24 di fieramilano Rho.

INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ – Secondo le ultime stime dell’Ufficio Studi siderweb, la spesa in ricerca e sviluppo nell’industria dell’acciaio, al netto di quanto spesato a conto economico, è circa lo 0,7% del fatturato. Una quota più bassa rispetto a quelle di altri settori manifatturie­ri (elettronica 8,9%; automotive 3,2%; macchine e apparecchi meccanici 2,8%).

C’è margine di crescita, anche considerando che il 99% degli inve­stimenti della filiera siderurgica nel 2017 è stato destinato alle immobilizzazioni ma­teriali (secondo quanto emerso dall’analisi di un campione di 144 imprese, inserita nello studio siderweb Bilanci d’Acciaio 2018). In fase di esplorazione anche i temi del deli­cato rapporto tra uomo e macchina, delle interazioni machine to machine, della ma­nifattura additiva.

Anche sulla base di questi dati, Made in Steel sarà per gli operatori del settore una piazza di incontro e scambio, luogo di business e network, ma anche di approfondimento e riflessione sulle grandi tematiche come innovazione e sostenibilità, motori della siderurgia mondiale del futuro.

Nell’immagine da sinistra: Lucio Dall’Angelo, direttore generale siderweb, Paolo Borgio, direttore organizzatori terzi e sponsorizzazioni fieramilano, Alessandro Mattinzoli assessore Sviluppo economico Regione Lombardia, Emanuele Morandi, presidente e amministratore delegato Made in Steel, Flavio Bregant, direttore generale Federacciai, Riccardo Benso, presidente Assofermet, Stefano Ferrari, responsabile Ufficio Studi siderweb
News

Nuove opportunità per una filiera allargata

Nuove opportunità per gli operatori siderurgici grazie alla concomitanza della nona edizione di Made in Steel con tre importanti fiere B2B internazionali: MADE Expo, Lamiera, Transpotec Logitec

WORK IN PROGRESS

Collaborazione, innovazione e sostenibilità: elementi chiave per affrontare il futuro dell’acciaio.

Made in Steel 2021: nuove date, nuovi padiglioni, sempre più business e visibilità

Importanti novità per la principale Conference & Exhibition del Sud Europa dedicata
alla filiera dell’acciaio. Per dar ancora più forza alla filiera
si terrà in concomitanza con Lamiera, MADE expo e Transpotec Logitec.