19 Jul 2016

A Made in Steel Conference & Exhibition la filiera è con noi!

Hanno colto a pieno lo spirito del titolo della prossima Conference & Exhibition, STRONGER TOGETHER, le tre associazioni che hanno già garantito il loro patrocinio a Made in Steel.

Si tratta di Assofermet che, con oltre 800 imprese associate appartenenti a 20 sezioni merceologiche e che danno lavoro a circa 30mila addetti sull’intero territorio nazionale, è l’Associazione Nazionale delle imprese del commercio, della distribuzione e della prelavorazione di prodotti siderurgici, dei commercianti in metalli non ferrosi e in rottami ferrosi e delle imprese di distribuzione della ferramenta.

Assofond è la Federazione Nazionale Fonderie che aderisce a Confindustria e – per meglio affrontare le esigenze specifiche di ogni comparto – distingue al suo interno le associazioni fonderie di ghisa, fonderie di acciaio, fonderie di precisione e fonderie di metalli non ferrosi.

Centro Inox è l’associazione senza scopo di lucro che si occupa di studiare e sviluppare applicazioni per gli acciai inossidabili di tutti i tipi e relative a tutti i prodotti. Centro Inox è membro di Euro Inox e di ISSF.

Federacciai, infine, è la Federazione che rappresenta le imprese siderurgiche italiane: Federacciai fa parte di Confindustria e conta a oggi oltre 150 aziende associate che realizzano e trasformano più del 95% della produzione italiana di acciaio.

«L’importanza di Made in Steel cresce costantemente», ragiona il presidente di Federacciai, Antonio Gozzi, tanto che già nel 2015 la Federazione ha tenuto all’interno della Conference & Exhibition la sua assemblea annuale. Un evento che, è auspicio di Gozzi, «speriamo di poter ripetere anche nel 2017, forti della convinzioni che nei momenti più complessi, quale quello che stiamo attraversando, sia necessaria l’unione di forze di tutte le componenti della filiera siderurgica». Di avviso analogo Roberto Lunardi, presidente di Assofermet: «Nei periodi di crisi si rischia che le aziende si “chiudano” in loro stesse e si concentrino solo sugli specifici punti di vista di ciascuna». Ma non è questa la via adatta per risolvere i problemi, sottolinea Lunardi: «Per difendere il sistema distributivo italiano – afferma – bisogna individuare soluzioni condivise in grado di dare beneficio all’intera filiera». In tal senso, Made in Steel è il luogo ideale per ritrovarsi, visto che da sempre si basa sul dialogo e sul confronto.

Roberto Ariotti, presidente di Assofond, mette l’accento sul programma convegnistico di Made in Steel, in grado di generare riflessioni di grande interesse, come nel caso «di “Industria e Acciaio 2030”, lo studio di Siderweb presentato nel 2015». Partendo da tale premessa, Ariotti è certo che anche dall’edizione 2017 – la quale si concentrerà sull’illustrazione delle conclusioni di “Stati Generali dell’ACCIAIO” – non potranno che emergere elementi positivi. Dal canto suo, Centro Inox si presenta a Made in Steel con «l’obiettivo di far conoscere l’acciaio inossidabile a chi lo consuma», spiega l’amministratore delegato Fausto Capelli. Attraverso la Conference & Exhibition, Centro Inox intende ribadire la sua strategia operativa, «che si rispecchia nell’anima informativa e culturale di Made in Steel».

News

Made in Steel 2021: oltre 13.000 presenze al Rinascimento dell’acciaio

Oltre le attese i numeri della nona edizione della Conference & Exhbition siderurgica.

Together we can. Insieme tutto è possibile

Grazie a tutti. Grazie per esserci stati e per aver portato l’entusiasmo della ripartenza a Made in Steel 2021.

Presente e Futuro dell’Acciaio al centro dell’ultimo giorno di Made in Steel 2021

Mercato dei distributori protagonista della mattinata. Bilanci d’Acciaio 2021 chiude la tre giorni.